Qual è la differenza tra l’alternativa classica e il percorso della lectina?

differenza principale tra l’alternativa classica e la via della lectina è che l’inizio della via classica avviene tramite il legame del complesso antigene-anticorpo alla proteina C1q e l’inizio della via alternativa avviene tramite il legame di C3b a superfici estranee, mentre l’inizio della via della lectina avviene tramite il legame del mannosio. lectina.

La via del complemento o cascata del complemento è una parte del sistema immunitario che migliora la capacità delle cellule fagocitiche e degli anticorpi di distruggere e ripulire i microbi e le cellule danneggiate da un organismo, promuovere l’infiammazione e attaccare le membrane cellulari dei patogeni. La via del complemento è generata dal sistema immunitario innato e adattivo. Questo sistema è costituito da piccole proteine ​​che vengono sintetizzate dal fegato e circolano nel sangue in forma inattiva. Queste proteine ​​o precursori sono attivati ​​nella via del complemento. Esistono tre tipi di vie del complemento: la via classica, la via alternativa e la via della lectina.

CONTENUTI

1. Panoramica e differenze chiave
2. Cos’è il percorso classico
3. Cos’è il percorso alternativo
4. Qual è il percorso della lectina?
5. Equazioni – Percorsi Classici Alternativi e Lectina
6. Percorsi classici vs alternativi vs lectin in forma tabulare
7. Riepilogo: percorso classico vs alternativo vs lectin

Cos’è la pista classica?

La via classica è una delle tre vie che attiva il sistema del complemento. Il sistema del complemento fa parte del sistema immunitario. Il complesso antigene-anticorpo insieme agli isotipi di anticorpi IgG e IgM avvia il sistema del complemento. Anche le cellule apoptotiche, le cellule necrotiche e le proteine ​​della fase acuta attivano la via classica.

Alternativa classica vs. Lectin Pathway in forma tabulare

Figura 01: Traccia classica e Traccia alternativa

Questo percorso è avviato dal legame del complesso antigene-anticorpo alla proteina C1q; la regione globulare C1q riconosce e si lega alla regione Fc degli isotipi anticorpali IgG e IgM. Si legano anche alle proteine ​​di superficie batteriche e virali, alle cellule apoptotiche e alle proteine ​​della fase acuta. In assenza di un fattore attivante, C1q diventa parte del complesso C1 inattivo, che consiste di sei molecole C1q, due molecole C1r e due molecole C1s. Il legame di C1q provoca un cambiamento conformazionale e l’attivazione della serina proteasi C1r. Attiva e scinde la serina proteasi C1. C1s quindi divide C4 in C4a e C4b e C2 in C2a e C2b. C4b aiuta nella formazione della C3 convertasi, C4bC2a. C3 convertasi ha la capacità di scindere c3 in C3a e C3b, che sono fattori importanti per le successive reazioni enzimatiche. C3v si lega alla convertasi C3 per formare la convertasi C5, C4b2a3b, mentre C3a recluta le cellule infiammatorie attraverso. Questi sono conosciuti come anafilatossine. La convertasi C5 scinde C5 in C5a e C5b. C5b si combina con altri componenti terminali per formare un complesso di attacco di membrana (MAC). Ciò provoca la lisi dei batteri invasivi mediante l’inserimento nella membrana cellulare bersaglio, creando pori funzionali.

Qual è il percorso alternativo?

Il percorso alternativo è uno dei tre percorsi che opsonizzare e distruggere gli agenti patogeni. Virus, funghi, batteri, parassiti, immunoglobuline A e polisaccaridi attivano vie alternative e formano importanti meccanismi di difesa indipendenti dal sistema immunitario. La proteina C3b innesca questo percorso e si lega direttamente al microbo. Anche il materiale estraneo e il tessuto danneggiato attivano percorsi alternativi. Poiché C3b è libero e abbondante nel plasma, ha la capacità di legarsi alle cellule ospiti o alle superfici dei patogeni. Diverse proteine ​​regolatrici partecipano alla prevenzione dell’attivazione del complemento nelle cellule ospiti.

Il recettore del complemento 1 (CR1) e il fattore di accelerazione del decadimento (DAF) competono con il fattore B per legarsi a C3b sulla superficie cellulare e rimuovere Bb dal complesso C3bBb. La scissione di C3b nella sua forma inattiva, iC3b, da parte di una proteasi plasmatica chiamata fattore del complemento 1 inibisce la formazione di C3 convertasi. Il fattore 1 complementare richiede un cofattore proteico legante C3b come il fattore H, Cr1 o un cofattore di membrana proteolitica. Il fattore H inibisce la formazione di C3 convertasi competendo con il fattore B per il legame con C3b. Accelera anche il decadimento della C3 convertasi. CFHR5, che è una proteina 5 associata al fattore H complementare, ha la capacità di legarsi per agire come cofattore per il fattore 1 e accelerare l’attività di decadimento e si lega al C3b nelle cellule ospiti.

Qual è il percorso della lectina?

La via della lectina è un tipo di reazione a cascata nel sistema del complemento. Dopo l’attivazione di questo percorso, l’azione di C4 e C2 si traduce in proteine ​​del complemento attivate più in basso nella cascata. Questo percorso non riconosce l’anticorpo legato al suo bersaglio e inizia con la lectina legante il mannosio (MBL) o la ficolina che si lega a zuccheri specifici. Questi MBL si legano a zuccheri come mannosio e glucosio con il gruppo OH in posizione terminale sui componenti di carboidrati o glicoproteine ​​di batteri, funghi e alcuni virus.

Le alternative classiche e il percorso della lectina - Confronto affiancato

Figura 02: Percorso complementare

MBL, noto anche come proteina legante il mannosio, è in grado di avviare il sistema del complemento legandosi alla superficie del patogeno. Il multimero di MBL forma un complesso con le proteasi della serina (il manose si lega alle lectine associate alla proteasi della serina: MASP1, MASP2 e MASP3) che sono zimogeni proteici. Sono simili a C1r e C1 in altri percorsi. MASP1 e MASP2 sono attivi per scindere i componenti C4 e C2 in C4a, C4b, C2a e C2b. C4b tende a legarsi alla membrana cellulare batterica. Se inattivo, si combina con C2a per formare la classica C3 convertasi in contrapposizione alla C3 convertasi alternativa. C4a e C2b agiscono come potenti citochine. C4a provoca la degranulazione dei mastociti e dei basofili e C2b aumenta la permeabilità vascolare.

Quali sono le somiglianze tra l’alternativa classica e il percorso della lectina?

  • Le vie classica, alternativa e lectina sono attivate da una serie di reazioni che portano al complesso di attacco della membrana.
  • Fanno parte del sistema immunitario.
  • Ogni percorso ha una proteina unica per l’inizio.
  • Sono attivati ​​da uno specifico isotipo anticorpale legato all’antigene

Qual è la differenza tra il percorso alternativo classico e il percorso della lectina?

L’inizio della via classica avviene attraverso il legame del complesso antigene-anticorpo alla proteina C1q. L’inizio della via alternativa avviene tramite il legame di C3b alla superficie estranea, mentre l’inizio della via della lectina avviene tramite la lectina che lega il mannosio. Quindi, questa è la differenza chiave tra l’alternativa classica e il percorso della lectina. Il ruolo della via classica è che agisce come un braccio effettore dell’immunità adattativa mentre le vie alternative e le lectine funzionano nell’immunità innata. Inoltre, l’attivazione di C4 e C2 nella via classica è C1s, e nella via della lectina è MASP-2, mentre non c’è attivazione di C4 e C2 nella via alternativa.

L’infografica sottostante presenta le differenze tra i percorsi alternativi classici e le lectine in forma tabellare per il confronto fianco a fianco.

Riepilogo: percorso classico vs alternativo vs lectin

L’inizio della via classica avviene attraverso il legame del complesso antigene-anticorpo alla proteina C1q. L’inizio della via alternativa avviene tramite il legame di C3b alla superficie estranea mentre l’inizio della via della lectina avviene tramite la lectina legante il mannosio. Quindi, questa è la differenza chiave tra l’alternativa classica e il percorso della lectina.

Riferimento:

1. “Pista classica.” Biolaboratorio creativo.
2. Fujita, Teizo. “L’evoluzione della via lectina-complementare e il suo ruolo nell’immunità innata.” Notizie sulla natura, gruppo editoriale della natura.

Immagini di cortesia:

1. “Percorso complementare.” Di Tossh_eng – https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b0/Complement-pathways.png (CC BY-SA 4.0) tramite Commons Wikimedia
2. “Figura 1.4. Attivazione completa” Di Hofman.martijn – Opera propria (CC BY-SA 4.0) tramite Commons Wikimedia